Armando Boccieri - Gobba Nasale
GOBBA DORSALE
LA MODIFICA DEL NASO, I LINEAMENTI, L'ESPRESSIONE

 Questo paziente riferiva di avere una gobba dorsale in un naso troppo lungo, si lamentava anche per una punta troppo grande e cadente.

 

L’analisi preoperatoria fa rilevare una prominenza del dorso con una punta leggermente ruotata verso il basso e globosa. L’intervento di rinoplastica, effettuato con approccio chiuso, ha corretto le alterazioni riferite dal paziente prestando la massima attenzione a non esagerare ed a lasciare la forma del naso naturale e ben inserita nei lineamenti forti del suo volto. E’ interessante notare come la rinoplastica abbia conferito al volto una espressione più intensa e più decisa. 

 
UN PROFILO TROPPO "GRECO"

Questa giovanissima paziente era scontenta per avere un profilo troppo dritto senza un angolo di separazione tra la fronte ed il naso: desiderava un dorso nasale un po’ scavato e definito. Inoltre si lamentava per avere un naso troppo largo dalla sua radice superiore alla punta.

Analisi: la paziente presentava un esasperazione del tipico “profilo greco” con uno scarso angolo naso frontale; in visione frontale la piramide nasale appariva larga ed in particolare la punta si presentava bifida, globosa e senza definizione. Nell’intervento di rinoplastica è stato eseguito un abbassamento del dorso nasale cercando di creare una certa concavità al suo profilo, la piramide nasale è stata ristretta al terzo superiore utilizzando doppie osteotomie basali. Il rimodellamento della punta è stato eseguito mediante asportazione di una striscia superiore delle cartilagini alari e mediante suture intracartilaginee di restringimento.

 
LA MODIFICA DI UN "NASO MEDITERRANEO"

 

Questa paziente si presentava per la necessità di risolvere alcuni problemi funzionali di cattiva respirazione nasale e per migliorare l'aspetto estetico del dorso e della punta nasale senza peraltro cambiare esageratamente l'aspetto del suo volto. 

       
       

L' esame clinico della paziente evidenziava una considerevole deviazione del setto nasale con ipertrofia dei turbinati e deficit della valvola nasale interna. L'analisi estetica mostrava una netta accentuazione dei caratteri del naso mediterraneo: un dorso nasale prominente con una gibbosità, un naso alquanto lungo, una punta nasale piuttosto grossa e cadente. Durante l'intervento chirurgico è stata effettuata una settoplastica, è stata asportata la gobba osteocartlaginea, sono stati posizionati due innesti del tipo "spreader graft" per correggere l'insufficienza valvolare ed armonizzare i 2/3 superiori  stretti della piramide nasale con la sottostante punta larga. Il rimodellamento delle cartilagini ed alcune suture hanno permesso di ottenere una migliore definizione e rotazione della punta nasale. Il risultato della settorinoplastica appare naturale e non stravolge affatto le caratteristiche di questo bel "volto mediterraneo".   

 
Casi da 7 a 9 su un totale di 9
Vai alla pagina precedente